Confronta gli annunci

Il 2018 deve ripetere il “buon tempo” del mercato immobiliare

Il 2018 deve ripetere il “buon tempo” del mercato immobiliare

Le aspettative del settore immobiliare sono ottimistiche, anche se alcune sfide sono già state identificate in modo che il ciclo positivo possa continuare. L’alloggio è considerato una delle aree più importanti nei prossimi anni.

Il sentimento del settore immobiliare per il prossimo anno è di ottimismo, con i leader leader del settore per confermare che il mercato sta vivendo un momento molto positivo. “Il periodo di immobili è buono,” ha difeso Henrique Polignac de Barros, presidente della Appio, l’associazione di sviluppatori e investitori immobiliari, una colazione sponsorizzato da Vita immobili e Cushman & Wakefield (C & W) per perspetivar 2018. Volte sono “un delizioso monotonia”, ha detto Paulo Silva, che presiede l’ACAI (rappresenta le società di consulenza e valutazione immobiliare), mentre Manuel Puerta da Costa, che dirige l’APAP (associazione degli analisti finanziari) ha spiegato che la “buona fase di il mercato non era nemmeno uguale a circa 3 anni fa, sia in termini di comportamento dei prezzi che di volumi transazionali “, sottolineando l’importanza del settore immobiliare” nello stock di capitale nazionale “, che” è fondamentale per la sostenibilità e la redditività del paese “. Veiga Sarmento, che presiede l’APFIPP (associazione dei fondi di investimento) conferma che “i venti sono ottimista” e che il Portogallo beneficia di ottimismo che vive in Europa “un ottimismo come un tempo non vissuto.”

Commentando le principali conclusioni di questo incontro, José Araújo, direttore del Real Estate Business Director di Millennium BCP, estende ulteriormente la rotta positiva, affermando che “nel settore immobiliare della Banca, abbiamo assistito a una crescente domanda del mercato immobiliare ha a partire dal 2011 “.

Estendi il ciclo

Il settore immobiliare ritiene che sia possibile “estendere” questo ciclo positivo. “Dobbiamo estendere i cicli positivi”, ha detto Polignac de Barros all’epoca, sostenendo che, a tal fine, “alcune misure devono essere portate avanti”. Per “approfittare di questa ondata positiva, dobbiamo prendere in considerazione alcune preoccupazioni”, allinea Veiga Sarmento.

Una delle sfide identificate dall’industria è la risposta alla mancanza di alloggi e forniture per ufficio. “C’è un netto divario tra le scorte disponibili e l’occupazione”, ha detto Eric van Leuven, managing partner di C & W, spiegando che nel caso degli alloggi la questione è particolarmente rilevante per i cittadini.

Per quanto riguarda gli uffici, “è necessario investire in nuovi spazi, in modo che le aziende continuino a installare e creare ricchezza”, avverte, sottolineando che il limite delle azioni può essere una minaccia per la competitività del Portogallo in un momento in cui le società internazionali guardano ogni più al paese. Inoltre, “senza uffici non ci sono città”, ha detto Pedro Ló, dell’APFM (associazione di gestione delle strutture).

Il rafforzamento degli investimenti nel mercato degli affitti come soluzione per l’accesso all’alloggio è anche una delle sfide da affrontare, perché “il momento attuale è stato principalmente positivo solo per il mercato degli acquisti e delle vendite e il mercato immobiliare”, ricorda. ha detto Menezes Leitões, della ALP (associazione dei proprietari).

Anche l’attrazione degli investitori privati ​​per il settore immobiliare è sulla mappa. “Dobbiamo essere in grado di catturare i risparmi e i fondi di investimento immobiliare possono essere una leva cruciale per aumentare gli investimenti privati ​​nel settore immobiliare”, osserva Veiga Sarmento. Anche l’aumento della fiducia nel settore, sia attraverso l’autoregolamentazione che attraverso il miglioramento degli standard di rigore professionale, è all’ordine del giorno. Nella visione José Araújo, “non ha fretta di ritorno sugli investimenti, comprare bene e costruire per uso domestico ed accettare il ritorno di una cifra” può essere una ricetta “di non correre l’inversione di un ciclo importante per il settore e per l’economia nazionale” .

L’alloggio è un problema centrale

L’alloggio sarà “la questione più importante per il settore immobiliare nei prossimi anni”, nelle parole di Francisco Rocha Antunes, presidente di RICS (entità che agisce nell’implementazione di buone pratiche nel settore immobiliare). Prima di tutto, perché “è necessario capire come creare alloggi che non siano solo un investimento di rifugio da parte di acquirenti internazionali”: inoltre, è necessario potenziare il mercato degli affitti, difeso da Menezes Leitão. “Al momento non abbiamo persone che mettono nuove case nel mercato degli affitti, e questo è qualcosa che non è accaduto nemmeno nei momenti peggiori”, osserva con preoccupazione il presidente dell’ALP. Per Francisco Rocha Antunes è chiaro che “c’è una mancanza di un mercato degli investimenti istituzionali nel leasing residenziale nel nostro paese”.

Per quanto riguarda i prezzi, è stato sottolineato che, a livello nazionale, i valori medi si avvicinano solo al picco precedente del mercato, sebbene nella fascia più alta del mercato (solo), i valori attualmente praticati a Lisbona e Porto raggiungano oggi un livello praticamente inimmaginabile dieci anni fa.

Fonte: “Proprietà pubblica”

img

Kasalux

    Post correlati

    MERCATO IMMOBILIARE IN RIPRESA MA NON AUMENTANO I PREZZI IN ITALIA

    A poche settimane dalle prossime elezioni politiche, che potrebbero avere ripercussioni anche sul...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Le meilleur indicateur de l’absence d’une bulle immobilière est précisément la «bulle des loyers» mal nommée dont on parle tant maintenant. Ces derniers temps, il semble que le fantôme de la bulle immobilière ait été réveillé. Mais si de nombreux indicateurs du marché immobilier se développent rapidement sont encore, en termes absolus, bien en dessous des valeurs atteintes au pic de la bulle (transactions, mises en chantier, contribution du secteur de la construction au PIB, crédit hypothécaire, etc. ). Les dernières données disponibles indiquent que le prix du logement augmente à 6,7%, même si dans certaines villes il atteint deux chiffres. Cependant, il reste inférieur de 26% au maximum de 2007, au niveau de juin 2004. Certes, cela ne suffit pas à justifier l’absence de bulle en formation, voire plus faible que celle atteinte en 2007. Le meilleur indicateur de l’absence de bulle est précisément une autre «bulle immobilière» dont on a beaucoup parlé récemment: la «bulle immobilière». Du point de vue économique, il n’est pas logique de parler de bulles dans la rentabilité d’un actif, dans ce cas le logement. En fait, l’un des indicateurs les plus évidents de la bulle du passé, outre la croissance spectaculaire du crédit, était précisément la faible rentabilité du loyer. Au pire moment, il est devenu inférieur à 2%. Pourquoi quelqu’un voudrait-il payer un prix astronomique pour des maisons aussi peu rentables que d’autres actifs à ce moment-là? La seule explication était l’attente que les prix continueraient à augmenter sans limite, et des gains en capital seraient réalisés sur la vente. Pourquoi acheter au lieu de louer, et mettre l’argent à la banque à 5%? En raison de la crainte que les prix continuent à augmenter et ne pas être en mesure d’acheter à l’avenir. En fin de compte, ce sont ces attentes irréalistes quant à la croissance future des prix qui alimentent les bulles en présence d’un crédit abondant. Dans ces moments, avec des rendements de 5-6%, les prix des logements sont bien justifiés par les loyers. Et l’octroi de nouveaux crédits hypothécaires est conforme aux normes prudentes de contrôle des risques. Du point de vue du crédit, la réduction de la dette hypothécaire des familles a été substantielle et à l’heure actuelle, malgré la croissance rapide des nouvelles hypothèques pour les achats de maisons, le stock de crédit hypothécaire continue de baisser. Nous devrons être vigilants mais, pour le moment, il n’y a pas de bulles sur l’horizon immobilier. Source: “El Pais”

    Il miglior indicatore dell'assenza di una bolla immobiliare è proprio la cosiddetta "bolla degli...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Shopping for a home in America? It will take a lot longer than you think because home prices are overheating

    Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Partecipa alla discussione