Confronta gli annunci

I proprietari che si uniscono allo schema di reddito a prezzi accessibili avranno esenzione fiscale

I proprietari che si uniscono allo schema di reddito a prezzi accessibili avranno esenzione fiscale

I proprietari di abitazione che si iscrivono al nuovo piano di affittanza a prezzi accessibili avranno esenzione fiscale e ridotto IMI. La misura, approvata mercoledì, affronta la classe media.

I proprietari di case che aderiscono al programma di leasing a prezzi accessibili e di stipulare contratti abitative permanenti, con i redditi più bassi, potranno beneficiare di esenzione fiscale e la riduzione di almeno il 50% della tassa di proprietà (IMI), che può arrivare anche al esenzione totale. Queste sono due delle nuove funzionalità fornite con l’approvazione di questo nuovo sistema di canoni di locazione a prezzi accessibili, avanzare i giornali Público e Negócios.

Il valore del reddito accessibile non ha regole fisse, ma il governo stima che la riduzione dei prezzi sia almeno il 20% del valore di mercato. Ci sono telecamere, però, può decidere che ulteriori riduzioni se i prezzi di mercato sono molto gonfiati, come, ad esempio, a Lisbona, dove i valori hanno subito forti aumenti.

L’aliquota fiscale sui redditi di proprietà da contratti di alloggio è attualmente pari al 28%. Con la nuova misura destinata principalmente alla classe media, il governo intende dare più sostegno pubblico alle esigenze di alloggio delle famiglie con i cosiddetti “redditi intermedi” che non rientrano nel regime delle abitazioni sociali. Nel caso dell’IMI, l’esenzione può essere totale se gli assetti comunali lo accettano.

Il programma degli affitti a prezzi accessibili sarà gestito dai comuni in modo che possano integrare queste misure con gli altri già in atto – nel caso di porto 65 che Young sarà anche essere adattato allo schema di reddito disponibile per gli inquilini tra i 18 ei 35 anni.

L’approvazione del programma – che era parte della strategia nazionale per l’edilizia abitativa nel 2015 – fa parte della nuova Housing Policy Generation ed è in programma per oggi in Consiglio dei Ministri, che verrà comunque approvato alcune diplomi di base della nuova politica per il settore . La legislazione che inquadra il programma di leasing a prezzi accessibili dovrebbe applicarsi a partire dal primo trimestre del 2018. La politica per il settore sarà presentato dal primo ministro António Costa, nel pomeriggio in Parlamento, il dibattito quindicinale.

Tra le nuove misure sono anche programmato una garanzia di riduzione del rischio contrattuale che protegge il padrone di casa in caso di inadempienza del canone di locazione o di danni al contenitore. Gli inquilini possono anche avere diritto alla protezione in caso di improvvisa perdita di reddito.

Fonte: “Osservatore”

img

Kasalux

    Post correlati

    MERCATO IMMOBILIARE IN RIPRESA MA NON AUMENTANO I PREZZI IN ITALIA

    A poche settimane dalle prossime elezioni politiche, che potrebbero avere ripercussioni anche sul...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Le meilleur indicateur de l’absence d’une bulle immobilière est précisément la «bulle des loyers» mal nommée dont on parle tant maintenant. Ces derniers temps, il semble que le fantôme de la bulle immobilière ait été réveillé. Mais si de nombreux indicateurs du marché immobilier se développent rapidement sont encore, en termes absolus, bien en dessous des valeurs atteintes au pic de la bulle (transactions, mises en chantier, contribution du secteur de la construction au PIB, crédit hypothécaire, etc. ). Les dernières données disponibles indiquent que le prix du logement augmente à 6,7%, même si dans certaines villes il atteint deux chiffres. Cependant, il reste inférieur de 26% au maximum de 2007, au niveau de juin 2004. Certes, cela ne suffit pas à justifier l’absence de bulle en formation, voire plus faible que celle atteinte en 2007. Le meilleur indicateur de l’absence de bulle est précisément une autre «bulle immobilière» dont on a beaucoup parlé récemment: la «bulle immobilière». Du point de vue économique, il n’est pas logique de parler de bulles dans la rentabilité d’un actif, dans ce cas le logement. En fait, l’un des indicateurs les plus évidents de la bulle du passé, outre la croissance spectaculaire du crédit, était précisément la faible rentabilité du loyer. Au pire moment, il est devenu inférieur à 2%. Pourquoi quelqu’un voudrait-il payer un prix astronomique pour des maisons aussi peu rentables que d’autres actifs à ce moment-là? La seule explication était l’attente que les prix continueraient à augmenter sans limite, et des gains en capital seraient réalisés sur la vente. Pourquoi acheter au lieu de louer, et mettre l’argent à la banque à 5%? En raison de la crainte que les prix continuent à augmenter et ne pas être en mesure d’acheter à l’avenir. En fin de compte, ce sont ces attentes irréalistes quant à la croissance future des prix qui alimentent les bulles en présence d’un crédit abondant. Dans ces moments, avec des rendements de 5-6%, les prix des logements sont bien justifiés par les loyers. Et l’octroi de nouveaux crédits hypothécaires est conforme aux normes prudentes de contrôle des risques. Du point de vue du crédit, la réduction de la dette hypothécaire des familles a été substantielle et à l’heure actuelle, malgré la croissance rapide des nouvelles hypothèques pour les achats de maisons, le stock de crédit hypothécaire continue de baisser. Nous devrons être vigilants mais, pour le moment, il n’y a pas de bulles sur l’horizon immobilier. Source: “El Pais”

    Il miglior indicatore dell'assenza di una bolla immobiliare è proprio la cosiddetta "bolla degli...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Shopping for a home in America? It will take a lot longer than you think because home prices are overheating

    Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Partecipa alla discussione