Confronta gli annunci

Esecuzione di opere in estate il momento migliore per investire in una riforma e rivalorizzare una casa

Esecuzione di opere in estate il momento migliore per investire in una riforma e rivalorizzare una casa

L’estate è per molti il momento migliore per fare lavori di ristrutturazione a casa. Permette di sfruttare le vacanze per seguire le opere (o per realizzarle), aprire per eliminare polvere od odori, non molti vicini, motivo per cui le disturbi sono minimizzate e, poiché i giorni sono più lunghi, giorni. Un buon momento per investire nel miglioramento degli alloggi, che, secondo i dati del gruppo Mitula [1], contribuirà in maniera significativa alla sua rivalutazione. Tanto che una casa non riformata è 17,18% più economica in tutta la Spagna rispetto ad un altro in cui sono stati apportati miglioramenti.

Se ci concentriamo su grandi città [2], Saragozza è dove è più apprezzato che siano stati apportati miglioramenti in un appartamento o in una casa. Tanto così, che nella capitale aragonese una casa non riformata vede la sua caduta di prezzo di -38,01% rispetto ad un altro che è.

È seguita da Valencia, la seconda grande città in cui maggiore importanza è data allo stato di una dimora per determinare il suo valore. Quindi un appartamento non riformato nella capitale della Turia è quasi il 30% (-28,46%) più economico di un rinnovato.

Madrid, Barcellona e Bilbao, dove meno importanza viene data alle riforme per fissare il prezzo

Barcellona, Bilbao e Madrid, nel frattempo, sono all’estremo opposto. Le tre grandi città spagnole, dove i prezzi tendono ad essere più alti, valgono l’abitazione riformata, ma meno di altre città. Questo comportamento sarebbe dovuto in parte alle tensioni causate dalla pressione della domanda e dalla carenza di approvvigionamento.

Così, Barcellona è la capitale che meno importanza (-2,15%) allo stato di conservazione delle case per fissare il proprio prezzo, seguita da Bilbao, dove un pavimento non riformato vede la sua caduta di prezzo del -7,45% rispetto ad un altro Rinnovato e Madrid, dove una proprietà non riformata costa -8,28% in meno di quella che è.

Aria condizionata, un must in estate che influenza anche il prezzo

A caldo, come i mesi attuali, l’aria condizionata è la salvezza di molti e si nota anche nei prezzi immobiliari, soprattutto nelle aree con climi più caldi.

Così, Barcellona è la capitale analizzata in cui più incidenza ha l’aria condizionata nel prezzo finale delle case. I pavimenti con aria condizionata sono 19,89% più costosi della media, a causa del clima marittimo mediterraneo della capitale catalana.

Valencia, anche un’area di elevate temperature estive, è la seconda città che offre più valore all’esistenza di aria condizionata in una casa. Un appartamento o una casa con aria condizionata è 18,43% più costoso della media, secondo la relazione sul prezzo dell’alloggio in Spagna del gruppo Mitula.

A Bilbao, d’altra parte, il clima mite in estate rende l’aria condizionata poco apprezzata in quanto aumenta il prezzo di uno 0,10% quasi trascurabile.

Particolarmente significative sono invece i casi di Madrid e Siviglia, due città con estati calde, dove l’esistenza di aria condizionata in casa significa solo un aumento del prezzo del 5,01% nel caso della capitale spagnola e del 9,29% Nella città di Siviglia, le figure sono ben al di sotto di città come Barcellona o Valencia.

[1] Relazione del Gruppo Mitula sul prezzo dell’alloggio in Spagna per il secondo trimestre del 2017.

[2] Città spagnole superiori ai 300.000 abitanti (2016), secondo le cifre dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE).

Fonte: INMODIARIO

img

Kasalux

    Post correlati

    MERCATO IMMOBILIARE IN RIPRESA MA NON AUMENTANO I PREZZI IN ITALIA

    A poche settimane dalle prossime elezioni politiche, che potrebbero avere ripercussioni anche sul...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Le meilleur indicateur de l’absence d’une bulle immobilière est précisément la «bulle des loyers» mal nommée dont on parle tant maintenant. Ces derniers temps, il semble que le fantôme de la bulle immobilière ait été réveillé. Mais si de nombreux indicateurs du marché immobilier se développent rapidement sont encore, en termes absolus, bien en dessous des valeurs atteintes au pic de la bulle (transactions, mises en chantier, contribution du secteur de la construction au PIB, crédit hypothécaire, etc. ). Les dernières données disponibles indiquent que le prix du logement augmente à 6,7%, même si dans certaines villes il atteint deux chiffres. Cependant, il reste inférieur de 26% au maximum de 2007, au niveau de juin 2004. Certes, cela ne suffit pas à justifier l’absence de bulle en formation, voire plus faible que celle atteinte en 2007. Le meilleur indicateur de l’absence de bulle est précisément une autre «bulle immobilière» dont on a beaucoup parlé récemment: la «bulle immobilière». Du point de vue économique, il n’est pas logique de parler de bulles dans la rentabilité d’un actif, dans ce cas le logement. En fait, l’un des indicateurs les plus évidents de la bulle du passé, outre la croissance spectaculaire du crédit, était précisément la faible rentabilité du loyer. Au pire moment, il est devenu inférieur à 2%. Pourquoi quelqu’un voudrait-il payer un prix astronomique pour des maisons aussi peu rentables que d’autres actifs à ce moment-là? La seule explication était l’attente que les prix continueraient à augmenter sans limite, et des gains en capital seraient réalisés sur la vente. Pourquoi acheter au lieu de louer, et mettre l’argent à la banque à 5%? En raison de la crainte que les prix continuent à augmenter et ne pas être en mesure d’acheter à l’avenir. En fin de compte, ce sont ces attentes irréalistes quant à la croissance future des prix qui alimentent les bulles en présence d’un crédit abondant. Dans ces moments, avec des rendements de 5-6%, les prix des logements sont bien justifiés par les loyers. Et l’octroi de nouveaux crédits hypothécaires est conforme aux normes prudentes de contrôle des risques. Du point de vue du crédit, la réduction de la dette hypothécaire des familles a été substantielle et à l’heure actuelle, malgré la croissance rapide des nouvelles hypothèques pour les achats de maisons, le stock de crédit hypothécaire continue de baisser. Nous devrons être vigilants mais, pour le moment, il n’y a pas de bulles sur l’horizon immobilier. Source: “El Pais”

    Il miglior indicatore dell'assenza di una bolla immobiliare è proprio la cosiddetta "bolla degli...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Shopping for a home in America? It will take a lot longer than you think because home prices are overheating

    Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese...

    Continua a leggere
    Kasalux
    di Kasalux

    Partecipa alla discussione